• Agesci Scout Lecco 3
  • Agesci Scout Lecco 3
  • Agesci Scout Lecco 3
  • Agesci Scout Lecco 3
  • Agesci Scout Lecco 3
  • Agesci Scout Lecco 3
  • Agesci Scout Lecco 3

Diario delle route di Clan

Questo “diario” nasce col nobile proposito da parte dei membri del clan “la scure” Lecco 3 (nell’anno 2012/2013) di lasciare ai futuri rover e scolte, e perché no magari anche ai novizi e a tutti coloro che accedono al sito internet del Lecco 3, un utile riferimento nel decidere itinerari di route estive, invernali, pasquali. Il diario vuole essere anche condivisione di ricordi gioiosi delle nostre esperienze che sono rimasti impressi e che ancora vivono in ognuno di noi. Così tra queste pagine si vorrebbe descrivere a volte brevemente a volte in modo più completo con foto e contatti utili le nostre strade già battute. Speriamo con questo di aver iniziato una buona abitudine che si possa perpetuare nel tempo e…..che dire:

 

Per me si va ne la città dolente,

per me si va ne l'etterno dolore,

per me si va tra la perduta gente.

Giustizia mosse il mio alto fattore:

fecemi la divina podestate,

la somma sapienza e 'l primo amore.

Dinanzi a me non fuor cose create

se non etterne, e io etterno duro.

Lasciate ogne speranza, voi ch'intrate".

Dante Alighieri Inferno Canto III, 1-9 Divina Commedia

 

 

Buona strada!

Irene Marangoni

Agnese Montirosso

Luca Bonaiti

Maria Longoni

Chiara corti

Margherita Locatelli

Valerio Carbonara

Matteo Bettega

Giulia Zilla

Francesco Pelladoni

Giacomo Ghislanzoni

Laura Sala

Filippo Maggioni

Anno 2012/2013

ROUTE DI PASQUA 28-31 MARZO 2013, MONASTERO DI BOSE

-Viaggio: in circa due ore di macchina, senza trovare traffico, dalla sede di Lecco via Risorgimento abbiamo raggiunto il monastero di Bose dislocato in Piemonte in particolare nella provincia di Biella (BI). Per dettagli ulteriori di viaggio consultare il sito internet al link qui sotto. Quale miglior modo per passare il tempo sulla mitica fiat Idea di Stambecco Rigoroso se non cantare insieme tutto Max? ahahahahah

-Ospitalità: il monastero è attrezzato per accogliere gli scout tramite piazzole dove sistemare le tende (non troppo grandi anche se si riesce a montare una canadese di reparto) e un’area con casolare adibito agli scout che preferiscono dormire al coperto (ma siamo sicuri non sia il vostro caso ;P) Il monastero offre anche la possibilità di servizi e di lavoro nei campi specie per route estive. E’ richiesta offerta finale simbolica.

-Logistica: per il vitto è necessario arrangiarsi o almeno è quello che abbiamo fatto noi portando il cibo per tutti e tre i giorni da casa e cucinando sui fornelletti da campo. Forse nella baita scout è presente una piccola cucina. Sono presenti servizi igienici con possibilità di doccia. Nel monastero si celebra regolarmente la S. Messa. Necessario prenotare in largo anticipo perché meta ambita da scout. Dobbiamo ammettere che sebbene fosse periodo di Pasqua di freddo ne faceva ancora parecchio, quindi se le previsioni sono brutte attrezzarsi boys!!! Brrrrrr

-Varie: quella di Bose è una comunità monastica pressoché unica nel suo genere. Infatti questa è stata fondata dal famoso Enzo Bianchi e non è composta da preti ordinati (infatti solo uno o due lo sono) ma da fratelli e sorelle che hanno deciso di condividere la propria vita mettendola al servizio degli altri in vario modo. L’ambiente che circonda il monastero è composto da un panorama di montagne e distese di prati la cui vista è interrotta da piccoli boschi. Il luogo risulta quindi ideale per passeggiate tranquille e consigliato per una route di preghiera con un particolare stimolo alla meditazione. Ottimo posto anche per route estive con itinerari nei dintorni. Durante la permanenza si offre disponibilità per incontri comuni o personali con alcuni fratelli. Del tutto particolari le celebrazioni liturgiche, specie quelle pasquali. A parte questo la nostra route è stata fantastica sia per il clima fraterno che si era venuto a creare tra di noi, sia per il particolare modo che i fratelli di Bose hanno nell’affrontare la fede che è stato di stimolo e consolidazione anche per noi e ci ha anche permesso di riaccostarci al “temuto” sacramento della riconciliazione!!

Indimenticabile!!!

Castoro Affidabile

-Contatti: http://www.monasterodibose.it/

ROUTE ESTIVA “IO CI STO” 4-10 AGOSTO, FOGGIA

Quest’anno il clan ha deciso di affrontare una route di servizio appoggiandosi ad un’associazione che si occupa di sostenere gli immigrati irregolari che vengono sfruttati per raccogliere pomodori nei campi dei proprietari terrieri pugliesi (in particolare della provincia di Foggia).

-Viaggio: in treno Lecco-Milano e Milano-Foggia partendo verso l’ora di cena e viaggiando di notte siamo arrivati a Foggia al mattino di buon’ora. Alla stazione di Foggia siamo stati accolti in modo caloroso da Arcangelo, padre scalabriniano che con uno dei tre pulmini dell’associazione ci ha portati nel centro dell’associazione. Quanto mai non abbiamo preso i posti su vagoni notte!!! Anche il viaggio da avventura con Vale che russa dallo scaffale portavalige….almeno si sta un po’ più larghi ahah. Ritorno simile all’andata!!!

-Ospitalità: padre Arcangelo, insieme a tutti i volontari che tramite l’associazione si ritrovano a dover condividere le proprie giornate in questa esperienza di volontariato, sono cordiali e disponibili ad accontentare ogni richiesta sensata. La casa dove siamo stati accolti era confortevole anche se priva di letti.

-Logistica: la prenotazione della route non è stata fatta con largo anticipo in quanto l’associazione è sempre disponibile ad accogliere un gran numero di volontari. Cibo e ospitalità vengono coperti con una modesta quota di clan. Il centro è attrezzato con bagni e docce, ma noi si preferiva lavarci con la canna dell’acqua anche di sera perché le temperature saahriane lo permettevano!!:))

-Varie: l’esperienza che il clan Lecco 3 ha vissuto è pressoché unica nel suo genere. Ci siamo ritrovati di fronte ad una realtà (quella degli immigrati neri che vivono in baraccopoli) che all’inizio ci ha spaventati e sbalorditi insieme. Stupefacente la serenità con la quale invece, dopo due giorni, passeggiavamo nel ghetto e salutavamo le persone conosciute. Si perché anche se le condizioni di vita erano quasi bestiali quelle erano persone con una dignità pari alla nostra se non addirittura superiore!! Ma brevemente come era strutturata una nostra giornata e cosa facevamo in pratica per aiutare?

Persone che lasciano un’impronta sul cuore…esperienza di vita che ti cambia dentro! Imparare ad essere protagonisti della nostra vita e non semplici turisti di quella altrui…

Noiosamente vostro Castoro Affidabile

-Contatti: http://www.iocisto.eu/

ROUTE INVERNALE

Per motivi di autofinanziamento la route invernale si è svolta nell’ex sanatorio del Monte Barro

-Viaggio: il Monte Barro è facilmente raggiungibile

-Ospitalità:

-Logistica:

-Varie:

-Contatti: Chicco capo CNGEI 333 2489141

http://www.ostelloparcobarro.it

http://www.parcobarro.lombardia.it